Testimone dell'evoluzione delle soluzioni per l'acquisizione di impronte digitali

Intervista al dottor Svend W. Carlsen, odontoiatra

Dal 1982 il dottor Svend Carlsen ha utilizzato vari scanner intraorali differenti per l'acquisizione di impronte digitali. Con Svend abbiamo parlato degli sviluppi dei sistemi di acquisizione delle impronte digitali e di come la tecnologia possa agevolare il lavoro quotidiano degli odontoiatri.

Framewithshadowjpg 1

"Tutto è iniziato con una soluzione digitale alla poltrona, in cui disponevamo sia della tecnologia per la registrazione digitale del dente sia dell'apparecchiatura per fresatura per la fabbricazione della corona", afferma Svend Carlsen.

"All'inizio eravamo davvero entusiasti della nuova tecnologia, ma poi scoprimmo che non si ottenevano risultati della precisione desiderata. Eravamo costretti a considerare solo i nostri inserti ceramici come mega-filler ben funzionanti. Da allora sono stato sempre alla ricerca di un sistema digitale in grado di risolvere il problema della precisione.

 Poco più di un anno fa, ho partecipato a un evento che comprendeva la dimostrazione del sistema 3Shape TRIOS. Questa esperienza ha rinnovato la mia convinzione che le tecnologie di acquisizione di impronte digitali fossero realmente in grado di soddisfare le nostre esigenze. Oggi in clinica usiamo il sistema 3Shape TRIOS per la maggioranza delle acquisizioni di impronte per corone e ponti singoli."

Quali caratteristiche deve avere un sistema digitale affidabile?

"Con la maggioranza dei sistemi di acquisizione di impronte digitali che ho utilizzato, era necessario apportare lievi correzioni prima di poter posizionare la corona definitiva nella bocca del paziente. Ciò non dovrebbe essere necessario. Inoltre ora è molto utile poter visualizzare un'immagine ingrandita del dente preparato, con tutti i dettagli visualizzati con chiarezza. Ciò permette di identificare e correggere immediatamente eventuali aree in cui la preparazione del dente non sia abbastanza uniforme o netta. Questo livello di controllo permette di inviare al laboratorio informazioni corrette e di controllare il proprio lavoro.

"I pazienti sono piacevolmente colpiti dal fatto che possiamo acquisire un'impronta con tanta facilità e rapidità", afferma Svend Carlsen. E prosegue: "Secondo me, l'elevato grado di controllo della tecnologia dimostrato dagli odontoiatri crea un maggior senso di sicurezza nei pazienti, che possono seguire in dettaglio il proprio trattamento sullo schermo e quindi comprendere meglio cosa esso comporti."

È facile da utilizzare?

“Nella nostra clinica gli assistenti eseguono le scansioni con la stessa frequenza dei medici. L'utilizzo di TRIOS è molto intuitivo e tutto il personale ha imparato a eseguire scansioni perfette in una sola mattina.”

Svend W. Carlsen
Herregaard Center Dental Clinic

Come giudica il nuovo sistema rispetto ai dispositivi utilizzati in precedenza?

"In passato era necessario applicare uno spray o una polvere sui denti prima di eseguire la scansione. Ciò era molto fastidioso perché è difficile stendere uno strato uniforme di rivestimento sui denti e, se lo strato non è uniforme, la scansione non risulta precisa. Inoltre, con i sistemi precedenti, era necessario tenere la mano fermissima durante la scansione. Il minimo movimento del paziente o della mano dell'operatore era sufficiente a ottenere un'immagine inutilizzabile. I nuovi scanner concedono una maggiore libertà di movimento, rendendo molto più facile ottenere una buona immagine. Qui nella nostra clinica gli assistenti eseguono le scansioni con la stessa frequenza dei medici. Il sistema è molto intuitivo."

Ha iniziato con un sistema di fresatura alla poltrona, ma il sistema TRIOS che utilizza oggi richiede la collaborazione del laboratorio. Cosa pensa di questi due diversi approcci? 

"In base alla mia esperienza, so che i sistemi di fresatura alla poltrona sono allettanti per molto odontoiatri. Tuttavia, in realtà, almeno al livello raggiunto attualmente dalle tecnologie, la fresatura alla poltrona non vale l'investimento fatto perché il medico deve perdere troppo tempo a perfezionare i dettagli estetici. Per quanto riguarda la mia attività, indubbiamente per me è meglio rivolgermi al laboratorio per le mie esigenze di fresatura. E, soprattutto, gli odontotecnici esperti in genere forniscono protesi migliori degli odontoiatri. Sono dei veri artisti e hanno più pratica."

Le soluzioni per l'acquisizione di impronte digitali sono destinate a durare?

"Secondo me, presto la presenza di soluzioni per l'acquisizione di impronte digitali sarà un dato acquisito in tutti gli studi odontoiatrici. Anche in una città piccola come la nostra, tutti e quattro gli studi sono provvisti di un proprio sistema per l'acquisizione di impronte digitali. In effetti, l'elevato profilo tecnologico del nostro settore favorisce la concorrenza perché contribuisce ad attirare pazienti da altre città. Inoltre assistiamo a una chiara tendenza nei laboratori: un numero sempre maggiore di essi lavora con sistemi digitali avanzati che permettono di fresare le corone direttamente dalle nostre impronte digitali senza dover prima fabbricare un modello. Ciò significa che possiamo riavere le corone dal laboratorio ancora più rapidamente", conclude Svend Carlsen.

Svend Carlsen

Svend Carlsen pratica la professione odontoiatrica da oltre 50 anni e si è sempre interessato attivamente alle tecnologie più avanzate della propria professione. Oggi Svend Carlsen gestisce la Herregaard Center Dental Clinic di Faaborg, in Danimarca, che utilizza quotidianamente

È facile da utilizzare?

Notizie