La paura del riflesso faringeo mi tiene alla larga dal dentista

Uno studio sull'epidemiologia del riflesso faringeo durante il trattamento odontoiatrico pubblicato dall'American Dental Association ha rilevato che quasi la meta dei 478 partecipanti ha indicato di aver avuto un riflesso faringeo almeno una volta durante visite odontoiatriche. Inoltre, il 7,5 percento dei partecipanti ha riferito di avere quasi sempre o sempre un riflesso faringeo.

Lo studio ha dimostrato che, a causa dell'elevata frequenza dei problemi relativi al riflesso faringeo, i pazienti avevano più probabilità di avere paura dei trattamenti odontoiatrici, paura del dolore e convinzioni negative riguardanti gli odontoiatri e i trattamenti dentali.*

Abbiamo parlato con un paziente del Dott. Jonathan L. Ferencz che ha un riflesso faringeo molto accentuato. Ha un riflesso così forte che evitava le cure dentarie finché non erano assolutamente necessarie.

Ha un problema del riflesso faringeo quando è dal dentista?

"Definirlo così sarebbe riduttivo. Ho un riflesso faringeo molto accentuato, se questo è il termine tecnico. La paura della sostanza viscosa e appiccicosa, ma anche soltanto il pensarci, mi teneva alla larga dal riunito odontoiatrico finché diventava insopportabile.

Quando andavo dal dentista, dicevo di aver bisogno di essere sedato.

Ho 61 anni. Ho delle corone da quasi venti anni. Quindi, durante questo periodo, gli ultimi 20 anni, è stata una vera lotta.

Sebbene, anche da bambino, portavo l'apparecchio, ma me l'hanno tolto perché mi dava fastidio. Nel momento di posizionamento dei bracket sui denti posteriori stavo male, pensavo di vomitare."

Come ci si sente?

"Sento che sto per vomitare quando qualcosa tocca il mio palato.

Le cose sono cambiate ora con uno scanner intraorale TRIOS®?

"Questa volta dovevo fare una corona. Il Dott. (Jonathan L.) Ferencz mi ha detto che non avrebbe dovuto prendere un'impronta. Mi ha raccontato dello scanner.

È stata una visita lunga perché abbiamo fatto tutto in un solo giorno. Il medico ha fatto la scansione e la pianificazione e poi c'è stato un intervallo di due ore, dopodiché ha montato la corona. Non ricordo esattamente, ma era sopportabile. È stato molto efficiente in termini di tempo, ho potuto pianificare la mia giornata intorno alla visita dentistica.

La presenza dello scanner nella mia bocca non mi ha dato fastidio. È andato tutto bene.

Il maggior problema per me è la sostanza viscosa e appiccicosa o il portaimpronta all'interno della bocca. Quando tocca il palato, inizio a vomitare.

Lo scanner (TRIOS) non mi ha disturbato. E nemmeno le mani del Dott. Ferencz mi hanno dato fastidio. È stato indolore.

Non ho neanche notato se il dottore interrompeva e riprendeva la scansione. È un professionista, quindi sono sicuro che l'avrebbe interrotta se io ne avessi avuto bisogno. È un grande protesista."

Allora, la scansione intraorale ha risolto il Suo problema del riflesso faringeo?

"Credo che l'intera procedura sia stata un vero progresso. L'adattamento della corona era perfetto e non ho provato alcun fastidio.

Precedentemente avevo le corone in oro, le ho avute di ogni tipo. L'ultima però è definitivamente la migliore e più facile da realizzare."

Articoli correlati:

Il riflesso faringeo è un grave problema –
http://www.3shape.com/knowledge-center/news-and-press/news/2015/this-gag-is-serious

*Gagging and its associations with dental care-related fear, fear of pain and beliefs about treatment –
www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24789238

****dentaltown story on CAD/CAM as a marketing tool for practices –
http://www.dentaltown.com/Dentaltown/Article.aspx?i=401&aid=5606

Notizie